MI PIACEREBBE INIZIARE…

STO SOLO ASPETTANDO IL MOMENTO PERFETTO.


Molti anzi troppi di noi aspettano il momento perfetto quando si tratta di salute, nutrizione e fitness. Ma questo approccio “tutto-o-niente” del tipo “se non lo faccio nel modo perfetto allora è inutile!”, raramente ci porta a “tutto”. Di solito ci porta a “niente”.

Stai aspettando il momento perfetto per iniziare un nuovo progetto? Per imparare una nuova abilità? Per mangiare meglio? Per allenarti di più?

Se è così, alcune di queste frasi potrebbero essere per te familiari:

Quando trovo un nuovo lavoro.

Quando sono meno impegnato.

Quando trovo un compagno d’allenamento.

Quando trovo l’attrezzatura corretta.

Quando mi sento meno in imbarazzo in palestra.

Quando perdo 10 kg.

Quando individuo la routine di allenamento giusta.

Quando il mio frigo è pieno degli alimenti giusti.

Domani. La prossima settimana. Mai.

L’essere umano è sempre in attesa del momento perfetto. Ma perché?

Per molti, è un’ottima distrazione e giustificazione. Aiuta ad evitare la realtà ed il rischio.

Per altri, perfezionismo e procrastinazione fungono da forte corazza contro potenziali situazioni di imbarazzo, critiche e fallimento.

Potrei ___ ma ___ “ ci tiene al sicuro dal dolore.

Sfortunatamente, ci tiene anche alla larga dalla crescita e dall’essere chi noi sappiamo avere potenziale di essere.

Questo è il motivo per cui l’approccio “tutto-o-niente”se non lo faccio nel modo perfetto allora è inutile raramente ci fa ottenere “tutto.

Di solito ci fa ottenere “niente”.

NON C’E’ IL MOMENTO PERFETTO. NON CI SARA’ MAI.

Oh sicuramente, ci potrebbero essere alcuni momenti magici nel tuo bel cammino “verso il fitness ed oltre” dove l’universo si riunisce per aiutarti… e starai anche indossando la tua maglietta preferita… insieme alle tue sneakers preferite… ed a quel punto parte anche la tua canzone preferita… ed il tuo corpo è pieno di esuberanza, traspare energia… i tuoi attrezzi preferiti in palestra sono liberi (infatti la palestra oggi è addirittura vuota!)… e fai una serie da 10 ripetizioni come se gli angeli avessero sollevato il bilanciere per te.

Ma questo momento sarà uno su un miliardo di altri momenti meno magici che costituiscono la tua vita reale.

Infatti, stiamo parlando di un momento che approssimativamente dura 10 secondi. Considerando che nella tua vita mediamente hai qualcosa tra 2,398,377,600 e 2,556,165,600 potenziali momenti, quei 10 secondi che rappresentano il tuo momento perfetto, costituiscono una minuscolissima parte del grande gioco della vita.

Certo, celebra il momento perfetto quando arriva. Ma credimi, non aspettarlo.

PRENDITI I TUOI MOMENTI. CREA I TUOI MOMENTI.

Voglio assicurarmi che tu lo sappia, nessuno sta arrivando da te per regalarti quei momenti. Devi prenderteli.

Cacciali. Inseguili. Rendili possibili.

Devi stringere i denti, ogni giorno. Questi momenti quasi non esistono, devi lottare costantemente.

Questo ci frusta mentalmente, certo.

Non dovrebbe essere così, pensiamo. I momenti degli altri semplicemente… vanno da loro. Tutti gli altri hanno abbastanza tempo. Abbastanza soldi. Abbastanza motivazione. Abbastanza informazione.

La realtà è che funziona così (come ti ho spiegato in precedenza). Per tutti noi.

Così è come funziona con i momenti. I momenti oppongono resistenza alle aspettative così come l’acqua oppone resistenza all’olio.

Comunque, il momento perfetto esiste. In realtà, esiste sempre il momento perfetto.

Quel momento perfetto è ora.

Qui. oggi. Questo preciso momento prezioso in cui stai respirando, proprio in questo secondo.

È quello che hai sempre avuto: adesso.

SOLO INIZIA. DALL’INIZIO.

Qui un altro segreto. In realtà non devi lavorare per ottenere il prossimo momento.

Tutto ciò che devi fare è partire.

Ed allora, i momenti inizieranno ad arrivare, proprio come fanno i momenti.

Ogni momento andrà in cima a quell’altro e prima che tu te ne accorga, sarai arrivato/a alla tua destinazione.

Ma non posso! Tu dici. Non posso iniziare! C’è un problema, lo vedi!

No, non è così. Se non riesci a partire, e perché stai facendo il passo più lungo della gamba.

Non stai iniziando con l’inizio. Stai provando ad iniziare in un qualche punto immaginario che sta nel mezzo del tuo cammino per arrivare alla destinazione.

Ad esempio, supponiamo che hai scelto di iniziare a leggere un qualche articolo sulla nutrizione.

Può essere un buon inizio, se è solo se, ti permette di muoverti verso il prossimo momento.

Mentre non è un buon inizio se ti tiene incollato alla sedia, davanti allo schermo a leggere centinaia di articoli sui blog ed oggi non prendi una singola decisione alimentare migliore rispetto a ieri.

Quindi probabilmente, per te iniziare, non dovrebbe essere leggendo qualcosa.

Diverso è invece andare verso il frigo tirare fuori delle fragole fresche e mangiarle.

Oppure fare una sana lista della spesa e metterla in prossimità delle tue chiavi della macchina per domani.

Oppure leggere il menù di un ristorante nel quale sei e scegliere per prima cosa una ricca insalatona.

Partire significa agire. Partire significa impegnarsi in un qualche tipo di scelta migliore rispetto a ieri. Questo è il modo in cui tu sai che è una buona partenza.

Partire è quando inserisci il gettone nel flipper, non quando perdi tempo guardando tutte le possibili macchine all’interno della sala, per decidere a quale flipper giocare.

Partire è quando sollevi un piede e lo posizioni oltre l’altro, non quando stai lì fermo a discutere su quale strada sarebbe meglio prendere o lamentandoti che avresti dovuto scegliere un paio diverse di scarpe.

Dal momento in cui qualcosa si sta muovendo, questa è una partenza.

SPINGI SEMPRE. ABBRACCIA LA RESISTENZA.

Tante persone che hanno appena iniziato assumono con certezza che poiché provano resistenza in ogni cosa che tentano di fare, hanno fallito.

I broccoli sono un po’ amari la prima volta che lì provano, ed a causa del fatto che accidentalmente li hanno stracotti, non possono mangiare verdure.

Hanno dimenticato il foglio stampato degli esercizi sul tavolo della cucina, quindi non possono allenarsi quando arrivano in palestra.

No, è semplicemente come ci si sente a volte.

All’inizio spesso si prova questa sensazione di resistenza, almeno in partenza.

Datti tempo. Spingi sempre. Cambierà la storia, credimi.

Ricorda: non devi combattere la resistenza dell’intero viaggio.

Devi solo spingere e passare attraverso la resistenza dei primi momenti.

TROVA SUPPORTO. PER ORA.

Così come una roccia per lasciare la terra, ha bisogno di una forza incredibile che spinga contro la gravità, ciò che stai per intraprendere ha bisogno di una spinta.

Per far muovere un trenino, è necessaria un’ingegneria estrema.

Possiamo iniziare, e stare in movimento, per conto nostro. Ma di sicuro aiuta quando qualcuno ci dà una spinta.

Qualcuno che ci possa chiamare ed allontanare dalla nostra procrastinazione e voglia di perfezione.

Qualcuno che ci toglie continuamente dalla nostra mentalità del “tutto-o-niente” con continui promemoria.

Qualcuno che ti dia la spinta necessaria per farti muovere. Fino a quando l’inerzia sarà sufficiente per far sì che tu possa continuare a muoverti da sola lungo il cammino.

Ma all’inizio, come sempre, dobbiamo partire.

COSA FARE DOPO.

Concludendo, se costantemente “aspetti per il momento perfetto”, questi consigli ti potrebbero aiutare:

  • Rivisita le tue aspettative. Riconosci che non esiste il momento perfetto e mai esisterà.
  • Ricavati il tuo tempo, anche se è imperfetto. Nessuno ti darà indietro il tempo. Hai bisogno di andarlo a prendere.
  • Semplicemente inizia. Trova la cosa più piccola possibile che puoi iniziare già ora, nei prossimi 5 minuti, e falla. Ora hai iniziato!
  • Fai qualcosa, qualsiasi cosa. L’azione è una presa di posizione in favore di una vita più in salute ed in forma fisica. Agisci ora, agisci spesso.
  • Devi solo passare attraverso questo momento. Il momento della partenza sarà il più duro. Fortunatamente, durerà poco.
  • Aspettati resistenza. È normale. Passaci attraverso. Resistenza non significa che questo non funzionerà. Significa solo che hai iniziato.
  • Fatti aiutare. Che sia un amico oppure un familiare, un compagno di allenamento, o un coach, trova qualcuno che mantenga vivo in te il fuoco che arde fino a che non sarai in grado di volare da solo.

VUOI UN AIUTO PER OTTENERE LA SALUTE ED IL CORPO CHE DESIDERI?

Se stai cercando un aiuto ed una guida, prendi in seria considerazione il mio Programma di Coaching Nutrizionale.

Concludendo, se sei pronto per iniziare a mangiare, muoverti, pensare e vivere meglio, con l’aiuto del mio metodo, appreso dalla Scuola di Precision Nutrition, la migliore al mondo nell’ambito della nutrizione, questa è la tua occasione.

Contattami ORA al 340 7176940 oppure compila i campi qui sotto per inviarmi una mail e chiedermi maggiori informazioni.